APPROVATI I RENDICONTI DI GESTIONE AL 31 DICEMBRE 2012 DEI FONDI QUOTATI

31 Gen 2013
TECLA FONDO UFFICI
  • RENDIMENTO MEDIO ANNUO DAL COLLOCAMENTO PARI A 10,8%, PARI AL DOPPIO RISPETTO AL TARGET
  • NAV PARI A 355,8 EURO PRO QUOTA; NAV TOTALE 230,06 MLN DI EURO (+19,12% RISPETTO AL CAPITALE INVESTITO RESIDUO, PARI A 193,1 MLN DI EURO)
OLINDA FONDO SHOPS
  • RENDIMENTO MEDIO ANNUO DAL COLLOCAMENTO PARI A 5,5%, IN LINEA CON IL TARGET
  • NAV PARI A 465,09 EURO PRO QUOTA; NAV TOTALE 242,8 MLN DI EURO (+13,46% RISPETTO AL CAPITALE INVESTITO RESIDUO PARI A 214 MLN DI EURO)
GOVERNANCE SOCIETARIA
  • L’AD DARIO FRIGERIO TERMINA CONSENSUALMENTE IL RAPPORTO CON PRELIOS SGR
  • L’ATTUALE MANAGEMENT, GUIDATO DAL DIRETTORE GENERALE RICCARDO SERRINI, PROSEGUE NEL PERCORSO DELINEATO PER LA GESTIONE E IL RILANCIO DELLA SOCIETÀ

Milano, 30 gennaio 2013 – Il Consiglio di Amministrazione di Prelios SGR, riunitosi in data odierna, ha approvato i rendiconti di gestione al 31 dicembre 2012 dei propri fondi comuni di investimento immobiliare quotati.

Rendiconto Tecla Fondo Uffici

Per il Fondo, collocato all’inizio di marzo del 2004, il risultato distribuibile della gestione del secondo semestre del 2012 è stato pari a circa 1,8 milioni di euro, al netto delle plusvalenze non realizzate.

Si ricorda che il Fondo ha ceduto nel semestre tre immobili, per un controvalore complessivo di 10,35 milioni di euro, con una minusvalenza lorda complessiva rispetto al valore di libro di 1,4 milioni di euro ed una plusvalenza rispetto all’ultimo valore di mercato stimato dall’esperto indipendente del Fondo, complessivamente pari a 16 mila euro. 2 Il Fondo ha conseguito dal collocamento un rendimento medio annuo del 10,8%, pari al doppio rispetto al target del 5,5%.

Il Consiglio ha deliberato conservativamente di non procedere né con il rimborso di capitale né con la distribuzione dei proventi, in considerazione dei prossimi obblighi di rimborso previsti dal contratto di finanziamento.

Il NAV è pari a 355,8 euro pro quota, con un premio del 123,8% rispetto al prezzo di Borsa a fine dicembre 2012 (159 euro per quota in data 31 dicembre). Il valore massimo ottenibile sul mercato (cd. open market value) dai 22 immobili in portafoglio del fondo Tecla al 31 dicembre 2012 ammonta a circa 410,03 milioni di euro (perizia dell’esperto indipendente Patrigest S.p.A.). Il NAV totale del Fondo è pari a 230,06 milioni di euro.

Rendiconto Olinda Fondo Shops

Per il Fondo collocato all’inizio di dicembre del 2004, il risultato distribuibile della gestione del secondo semestre 2012 è stato pari a -8,4 milioni di euro, al netto delle plusvalenze non realizzate.

Si ricorda che il Fondo ha venduto nel semestre un immobile per un controvalore complessivo di 230 mila euro, con una minusvalenza lorda di circa 3 mila euro sul costo storico.

Il risultato della gestione ordinaria è positivo per 0,2 milioni di euro ma in conseguenza della minusvalenza principalmente causata dall’aggiornamento delle valutazioni degli immobili, alla luce dell’attuale contingenza di mercato, non è possibile procedere con alcuna distribuzione di proventi.

Il Fondo ha conseguito dal collocamento un rendimento medio annuo del 5,5%, in linea con il target del 5,5%.

Il Consiglio ha deliberato conservativamente di non procedere né con il rimborso di capitale né con la distribuzione dei proventi, in considerazione dei prossimi obblighi di rimborso previsti dal contratto di finanziamento.

Il NAV è pari a 465,09 euro pro quota, con un premio del 327% rispetto al prezzo di Borsa a fine dicembre (108,9 euro per quota in data 31 dicembre). Il NAV totale del Fondo è pari a 242,8 milioni di euro. Il valore massimo ottenibile sul mercato (cd. open market value) dai 27 immobili in portafoglio del Fondo Olinda al 31 dicembre 2012 ammonta a circa 482,3 milioni di euro (perizia dell’esperto indipendente Scenari Immobiliari S.r.l.). Il valore degli immobili a rendiconto, in relazione all’effetto del recente aggiornamento del piano vendite e in considerazione della durata residuale del Fondo, è pari a 472,7 milioni di euro.

Governance societaria

L’Amministratore Delegato di Prelios SGR Dario Frigerio ha concluso consensualmente il suo rapporto con la Società, avendo portato a termine il delineato percorso di consolidamento strutturale e organizzativo della SGR.

A tele riguardo il Consiglio, il Collegio Sindacale e il Presidente Alberto Rossetti ringraziano Dario Frigerio per l’attività svolta. L’attuale management, guidato dal Direttore Generale Riccardo Serrini, prosegue secondo i piani e gli obiettivi delineati nel percorso di gestione e rilancio della Società.

I poteri di Amministratore Delegato sono stati ridistribuiti temporaneamente al Direttore Generale, mentre la Società è al lavoro per la definizione complessiva della governance, che si prevede verrà finalizzata entro il primo trimestre 2013, con lo scopo di rafforzare ulteriormente l’autonomia gestionale ed il posizionamento di mercato di Prelios SGR.